logo del circolo Vai all'homepage Vai all'homepage Circolo Astrofili di Milano
Il Circolo
• La storia
• La bacheca
• Gli strumenti
• La biblioteca
• Associarsi
• Consiglio direttivo
• Il Planetario
Attività
• Le riunioni
• Iniziative
Neofiti
• L'incontro
• Parliamo di...
• Le dispense
Radioastronomia
• Presentazione
• Attività
• Documenti
Osservazioni
• Dove
• Effemeridi
• Meteo
Wikipedia
• Il CAM
• Il Planetario
Galleria fotografica
• Le immagini dei soci
Google

Cerca nel sito
Cerca nel web

Valid HTML 4.01!

Valid CSS!


Facebook | Mailing List | Link

I Pianeti del Sistema Solare

I nove pianeti orbitanti attorno al Sole - Parte Prima

Introduzione dei pianeti interni

Intorno al Sole orbitano nove pianeti e un numero imprecisato di asteroidi e comete. I pianeti sono, in ordine di distanza dal Sole: Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno e Plutone.

I pianeti da Mercurio a Saturno sono visibili ad occhio nudo, e sono conosciuti fin dall'antichità, mentre gli altri sono stati scoperti negli ultimi tre secoli.

Mercurio e Venere sono i cosiddetti pianeti interni, poiché la loro orbita è contenuta all'interno di quella della Terra. Il disegno evidenzia come dalla Terra questi pianeti non possono apparire discosti dal Sole più di un certo angolo, che è di circa 47° per Venere e circa 28° per Mercurio. Le posizioni reciproche della Terra e di un pianeta interno sono:

  • Congiunzione superiore – quando la Terra, il pianeta e il Sole sono allineati, con il pianeta alla massima distanza dalla Terra
  • Congiunzione inferiore – quando la Terra, il pianeta e il Sole sono allineati, con il pianeta alla minima distanza dalla Terra
  • Quadratura – quando il pianeta presenta la massima distanza apparente (angolare) dal Sole: si ha una elongazione est quando il pianeta appare tramontare dopo il Sole, e una elongazione ovest quando il pianeta appare sorgere prima del Sole.

Le posizioni relative dei pianeti interni


Le posizioni relative di un pianeta interno e della Terra fanno sì che si verifichino delle fasi analoghe alle fasi lunari. In prossimità della congiunzione inferiore il pianeta si trova tra noi e il Sole, e quindi rivolge verso di noi il lato non illuminato: appare allora come una falce sottile.

Alle massime elongazioni sarà illuminato per metà e sarà completamente illuminato in prossimità della congiunzione superiore. A causa delle variazioni nella distanza, tuttavia, la massima luminosità non corrisponde alla fase "piena" come nel caso della Luna.








Successivo

Copyright 2011 Circolo Astrofili di Milano Mappa | Contatti